Skip to main content

Cosa mangiare a Valencia

 Riso, frutta, verdura, ortaggi, pesci e frutti di mare, sono i principali ingredienti di questa squisita mediterranea.
 



Il riso e la paella a Valencia

Nel VIII secolo, gli arabi introdussero la coltivazione del riso nei dintorni del Parco Naturale de La Albufera. Attualmente si coltiva un’estensione di 16.000 ettari e ci sono tre varietà: Bomba, Senia e Bahía. Fu in quest’ambiente che gli abitanti della zona inventarono un piatto a base di riso e di prodotti autoctoni, creando la Paella.

Oltre alla tradizionale paella valenzana, potete scegliere fra più di 40 varietà di riso,  come il riso al forno, il riso a banda (con pesce), il riso nero (con calamari al nero di seppia), il arròs amb fesols i naps (riso con fagioli e rape) , un riso brodoso con fagioli e rape o la fideuá (che sostituisce il riso con una pasta corta simile agli spaghetti).


La Paella

Il nome del piatto è dato dal recipiente in cui si cucina e, anche se la sua popolarità ha fatto in modo che nascano diverse varietà di questa ricetta, quella originale comprende, oltre al riso (con Denominazione di Origine di Valencia), i seguenti ingredienti: pollo, coniglio, “Ferraura” e “garrofón” (due tipi di fagioli autoctoni), pomodoro, riso, olio di oliva, acqua, zafferano, aglio e sale.

Per cuocerla è necessario avere una fonte di calore abbondante, anche se la tradizione richiederebbe di cuocerla “a legna”.

Al momento di degustarla, si può optare per la maniera tradizionale, che è quella di mangiarla con un cucchiaio di legno dallo stesso recipiente, oppure servirla in piatti individuali.

Per assaporare un’autentica paella e godersi l’abilità dei maestri del riso, che trattano il riso e le loro ricette di autentica Paella valenzana con rispetto, professionalità e amore, cercate il marchio Wikipaella quando realizzate la vostra selezione. 
 

 



Stufati Valenzani

Il ricettario tradizionale degli Stufati Valenzani è ampio e contiene degli imprescindibili, come “Suquet de Peix”, “All i Pebre” a base di anguille pescate nella Albufera, il Cocido de Nadal o L’Olleta.
 

Scoprite come si cucina l’autentica Paella

 



Frutta e verdura Valenzane

Provenienti dall’orto che circonda la città, uno dei pochi, per le sue dimensioni, rimasti oggi in Europa, frutta, verdura e ortaggi costituiscono la base della dieta valenzana. Queste verdure dell’Orto si utilizzano per gustose insalate. La tipica insalata valenzana è fatta di pomodoro, lattuga e cipolla.

Tra la frutta risalta per la sua eccellenza l’arancia valenzana, che si raccoglie in autunno e in inverno, anche se è disponibile in qualsiasi epoca dell’anno. La sua eccellente qualità e le sue diverse varietà rendono questo frutto una prelibatezza.
 

 



Prodotti del mar Mediterraneo a Valencia

Sardine, naselli, triglie, ‘sepionet’ (seppioline) o sgombri e tombarelli sono alcune delle specie mediterranee che costituiscono la base di alcuni stufati marinari. A questi pesci bisogna aggiungere i gamberi della vicina località di Denia, o le saporite ‘clochinas’ (cozze) (disponibili solamente nei mesi dell’anno senza la “r”, secondo la tradizione).
 

 

+ INFO

 



Le tapas valenzane

Patate con salsa brava, seppia alla piastra, clochinas, telline, acciughe sott’aceto, crocchette di baccalà... sono alcune delle tapas che si devono gustare assieme a una birra fredda o a una sangria. Il consumo di pesce sotto sale è molto tipico a Valencia, specialmente la mojama, la bottarga o il baccalà secco con il quale si elaborano piatti tradizionali come il esgarraet, peperoni e melanzane arrostiti con baccalà secco condito con olio d’oliva.
 

 

+ INFO

 



Dolci Valenzani

La pasticceria valenzana possiede una notevole influenza musulmana, che si riflette nell’uso di mandorle e miele, come ad esempio nel Arnadí (un dolce di zucca e mandorle), le almojábanas, i rosegonesl’arrop i tallaetes o le orelletes. Non bisogna dimenticare i buñuelos (frittelle) di zucca, la coca de llanda o els fartons, le torte di patate dolci o i tradizionali “frutti di Sant Dionis”.
 

 

Iscrivetevi al nostro blog!

Non perdete le migliori proposte per scoprire Valencia!

Subscribe