Skip to main content

Le impronte del Santo Grial a Valencia

Fino a raggiungere la Cattedrale, il Santo Grial ha viaggiato o ha lasciato tracce in alcuni luoghi della città che oggi è possibile visitare.

1. Jardines del Real. Qui si trovava il Palazzo Reale, la residenza del re Alfonso il Magnanimo, che portò il Santo Grial a Valencia per la prima volta e lo tenne lì per un po' di tempo.

2. Museo de Bellas Artes de València. È la seconda galleria d'arte in Spagna dopo il Museo del Prado di Madrid. Vi si possono contemplare tre opere in cui è riprodotto il Santo Calice della Cattedrale: due copie del Salvador Eucarístico  di Joan de Joanes del XVI secolo e la Santa Cena di un'altra pittrice valenciana, Joan a Ribalta. Il museo conserva anche due disegni che non sono esposti al pubblico per motivi di conservazione: Última Cena di Joan de Joanes, e Institución de la Eucaristía, di Francisco Ribalta.

3. La Chiesa e il Palacio del Temple. C'era una delle antiche porte d'ingresso alla città, attraverso la quale passava il Grial, in direzione della Cattedrale di Valencia nel 1437.

4. Museo del Patriarca. Osservate le scene in rilievo sulla facciata dedicata al Santo Grial e contemplate all'interno del museo il dipinto "L'Ultima Cena" di Francisco Ribalta. Cogliete l'occasione per vedere i dipinti di Caravaggio, El Greco, Van Der Weyden, Benlliure, Ribalta e Pinazo, anch'essi esposti nel museo, oltre al manoscritto originale dell'opera postumo di Sir Thomas More.

5. Chiesa di San Martín Obispo e San Antonio Abad, con un affresco di José Vergara dedicato all'Ultima Cena, dove si può vedere una riproduzione del Santo Calice nella Cattedrale di Valencia.

6. Museo del Corpus. Ospita i carri trionfali o gli antipasti che partecipano alla celebrazione del Corpus Domini. Questi carri, popolarmente noti come rocce, hanno dato il nome a questo unico museo del Corpus Domini meglio conosciuto come la Casa delle Rocce. Uno di questi è dedicato al Santo Grial. È stata sfilata per la prima volta in processione nel 2001.

7. Calle Avellanas, 3. Casa di Sabina Suey, dove è stato nascosto il Santo Grial durante alcuni giorni della guerra civile spagnola.

8. Cattedrale di Valencia. Contemplate l'olio su tavola del XVI secolo di Juan de Juanes "Ultima Cena" al primo piano del Museo della Cattedrale e cogliete l'occasione per vedere altre opere di uno dei più importanti pittori del Rinascimento spagnolo. Incontra altre delle reliquie che appartenevano ad Alfonso il Magnanimo, come le spine della corona di Cristo e due pezzi della croce. Scoprite anche le sculture originali della Porta degli Apostoli nella Cattedrale, reliquiari, facsimili, sculture in legno del XV secolo e opere di altri maestri valenciani, come Vicente Masip. Visitate i tesori della Cattedrale di Valencia e terminate il vostro percorso, come non potrebbe essere altrimenti, nella Cappella del Santo Grial.

Per sapere di più sul Santo Grial e sul patrimonio artistico di alcuni templi della città, come la Chiesa di San Nicolás o la Chiesa di San Juan del Hospital, è possibile scoprire la visita guidata Ruta del Grial y arte religiosa che parte ogni venerdì alle 10:00 dall'ufficio turistico di Calle de la Paz, 48.

Iscrivetevi al nostro blog!

Non perdete le migliori proposte per scoprire Valencia!

Subscribe