Destinazione Starlight a Valencia: un’esperienza astronomica

Contemplare un cielo stellato è un privilegio che ancora ci si può permettere a Valencia. Ci sono due destinazioni Starlight a meno di un’ora dalla città: l’Associazione del Alto Turia e la Tierra Bobal. Si tratta di 14 comuni dove non è arrivato l’inquinamento luminoso e ogni notte offrono uno spettacolo astronomico che merita un’escursione. Se siete particolarmente sensibili all'ambiente e alla sostenibilità del pianeta e, soprattutto, se cercate esperienze uniche o attività speciali da fare con i bambini, questa è l'opzione perfetta: Visitate una destinazione Starlight!  

 

Destinazione Starlight: dove osservare le stelle

La Fondazione Starlight è un organismo creato dall’Istituto di Astrofisica delle Canarie sotto il patrocinio dell’UNESCO, IAU (Unione Astronomica Internazionale) e l’Organizzazione Mondiale del Turismo. Questa istituzione certifica zone con condizioni adeguate per lo sviluppo dell’Astroturismo e dell’Osservazione Astronomica, perché l’accesso alla luce delle stelle sia un diritto di tutti. Questo distintivo viene assegnato a quelle aree in cui si è preso l'impegno di difendere la qualità del cielo notturno. O, detto in un altro modo, si tratta di luoghi con angoli unici e speciali, nei quali si può godere dell’osservazione delle stelle, come succede nella associazione dell’Alto Turia e nella Tierra Bobal.  

 

Cieli da sogno nell’associazione dell’Alto Turia

L’Alto Turia si trova all’interno della provincia di Valencia, nella regione de Los Serranos, a meno di un’ora dalla città. Il passaggio del corso alto del fiume Turia, che serve da unione tra i municipi di tutta l’associazione (Aras de los Olmos, Benagéber, Chelva, Titaguas e Tuéjar) è l’origine di questa denominazione.  

Aras del Olmo è un paese pieno di fascino e con una cornice perfetta per osservare il firmamento nelle migliori condizioni, dato che il cielo rimane pulito e trasparente è considerato come uno dei più puliti del pianeta. Qui ci sono diversi osservatori astronomici: quello di La Cambra, sede dell’Associazione Astronomica AstroARAs; quello dell’Alto Turia, con visite, conferenze e escursioni da Valencia e l’Osservatorio Astronomico dell’Università di Valencia, dove si organizzano visite guidate da aprile a settembre.   

 

A Titaguas si trova la Scuola di Scienze Cosmofisica, qui si organizzano attività per famiglie e gruppi e il Belvedere Astronomico de La Loma, all’aperto. 

 

A Chelva si trova il Belvedere Astronomico El Remedio e, inoltre, si può ammirare in qualsiasi parte dell’Alto Turia il cielo stellato liberamente, così come a Tuéjar e Benagéber, comuni dove, anche se non ci sono infrastrutture per l’osservazione astronomica, si può godere delle stelle da una qualsiasi delle sue montagne.  

 

 

Tierra Bobal 

Sotto il patrocinio della denominazione Tierra de Bobal, nove municipi valenciani sono uniti dalla cultura del vino da oltre 2500 anni. Camporrobles, Caudete de las Fuentes, Chera, Fuenterrobles, Requena, Sinarcas, Utiel, Venta del Moro y Villargordo del Cabriel hanno, poi, la maggior superficie di boschi della provincia di Valencia.  

La altezza di questi luoghi della Tierra Bobal, la pulizia dell’aria e la bassa contaminazione luminosa facilitano l’osservazione del cielo notturno, cosa che rende possibile l’osservazione delle stelle, dei pianeti e di altri corpi celesti.  

Anche se ancora non esistono osservatori astronomici, tutti i municipi hanno un luogo speciale per scoprire i pianeti, le stelle e le costellazioni. Ci sono diversi belvederi nella Tierra Bobal che si possono considerare luoghi privilegiati, luoghi spettacolari e in alto la cupola celeste si mostra in tutto il suo splendore. Scegliete il vostro, combinatelo con uno qualsiasi dei vini della zona e divertitevi!  

 

 

Belvederi Tierra de Bobal

  • Fuente del Junco (Villargordo del Cabriell)
  • Torre del telégrafo del Romeroso (Villargordo del Cabriel) 
  • Hoz de Vicente (Venta del Moro) 
  • Balcón de La Derrubiada (Venta del Moro) 
  • Mirador de la Fonseca (Venta del Moro) 
  • Peña de las Grajas (Sinarcas) 
  • Sierra de la Bicuerca (Fuenterrobles) 
  • Torre del telégrafo de La Bicuerca (Fuenterrobles) 
  • Torre del telégrafo Fuente de la Jedrea (Requena) 
  • Torre del telégrafo La Atalaya de Requena (Requena) 
  • Torre del telégrafo El Rebollar (Requena) 
  • Atalaya de Caudete (Caudete de las Fuentes) 
  • Castillo de Chera (Chera) 
  • Pico del Remedio (Utiel) 
  • El Molón (Camporrobles) 

 

 

Molti dei comuni Starlight sono anche Riserve della biosfera grazie alla biodiversità del suolo e della vegetazione, e della grande varietà di fauna che vive lì. Scegliete il motivo che volete per visitarli, ma non perdeteveli!