Riserve della biosfera: paradisi terrestri a solo un’ora dalla città

Amate le gite urbane, ma il programma perfetto è combinarle con una gita in un ambiente naturale? Allora sicuramente vi piacerà sapere che vicino alla città si trovano due Riserve della biosfera dell’UNESCO. Un paio di luoghi che, a livello mondiale mantengono valori ambientali unici. Continuate a leggere 

 

Riserve della biosfera Valle del Cabriel  

Anche se include più di 50 municipi, Caudete de las Fuentes, Requena, Venta del Moro e Villagordo del Cabriel sono le quattro località valenciane che si trovano all’interno della Riserva della Biosfera della Valle del Cabriel. Si trovano tutte a più di un’ora dalla città. A questa distanza si trova la maggior concentrazione di boschi della provincia, e si tratta di un luogo unico ed eccezionale riconosciuto a livello internazionale.   

La Valle del Cabriel è il più grande massiccio montagnoso di natura calcarea dell’Europa mediterranea, possiede importanti elementi geologici (torri di fate, gole...) e accoglie nei dintorni un importante ecosistema di boschi mediterranei e boschi ripari.  Se pensate di andare fino a lì, potrete anche godere della fauna tipica di una zona montuosa: capre di montagna (le più rappresentative), rapaci rupicoli, uccelli di alta montagna, una grande comunità di anfibi, lontre e buone popolazioni di trote. E poi si può contemplare uno dei fiumi più puliti d'Europa: il Cabriel, che dà il nome alla valle.   

Tutto è a portata di mano del visitatore con trekking, sport d'avventura e birdwatching. E grazie alla purezza dei cieli, il poco inquinamento luminoso e l'astronomia, è anche una destinazione Starlight, ideale per l'osservazione astronomica.  

Si può anche visitare il Centro d'Interpretazione del Parco Naturale Hoces del Cabriel, situato alla Venta del Moro. C’è una mostra in cui il fiume Cabriel è il protagonista, e dove si possono scoprire i diversi ambienti che compongono questo Spazio Naturale Protetto, oltre a conoscere il patrimonio idrico del Parco. Ha, inoltre, uno spazio adattato e offre la possibilità, se venite con un gruppo di più di 15 persone, di usufruire di una visita guidata.    

E per rendere l'esperienza turistica memorabile, tutto questo si trova in una zona con una cultura del vino che ha più di 2.500 anni e una propria denominazione d'origine: Utiel-Requena.  

 

 

Riserva della biosfera dell'Alto Turia  

Chelva, Tuéjar, Benagéber, Titaguas, Aras de los Olmos, Casas Bajas e Casas compongono questa riserva con il corso superiore del fiume Turia come denominatore comune. Venite a scoprire la zona in qualsiasi momento, perché ogni stagione ha colori e fascino particolari.  

A meno di un'ora da Valencia si trova un vasto patrimonio naturale che si può combinare con il trekking, il ciclotursimo, l’arrampicata e il cavallo. Alle esperienze di canoa o rafting fluviale, si possono aggiungere altre attività acquatiche nel bacino di Benagéber.  Iniziate a scegliere!  

Tutta questa zona è stata riconosciuta anche con altre distinzioni, in quanto zona di protezione speciale per gli uccelli (ZEPA) e destinazione Starlight.  

 

 

Natura, cultura e gastronomia, tre in uno!  

Anche il patrimonio culturale di questi comuni è degno di nota: la chiesa di Nuestra Señora de los Ángeles, a Chelva; o la sua omonima a Tuéjar; o la Torre del Cortijo, a Aras de los Olmos; le feste della Mojiganga e la Notte delle Candele a Titaguas.  

Infine, non si può lasciare l'Alto Turia senza aver assaggiato i prodotti e la sua ricca gastronomia tradizionale, tra cui vino, olio, miele, tartufi e, soprattutto, piatti a base di insaccati con una forte influenza de La Mancha e dell'Aragona.  

E prendete nota: a Tuéjar troverete l'Informazione Turistica dell’Associazione. Le vie d'accesso per visitarla sono la CV-35 e la N-330. Si può fare un percorso circolare di circa tre ore e mezza attraverso le città che compongono la Riserva.   

Venite a scoprirlo!