10 motivi per andare a valencia nel 2023

| 09.11.2022 | 10:32

Valencia non si ferma mai.  La città è sempre più accessibile e sostenibile e con un’offerta culturale e di svago che si supera ogni anno. Ecco perché ci sono sempre nuovi motivi per visitarla.

1.    Valencia festeggia l’anno di sorolla 

Image placeholder

Nel 2023 si festeggia il centenario della morte di Joaquín Sorolla, il pittore che, nei suoi quadri, plasmò la luce del Mediterraneo in un modo davvero magistrale. Quale occasione migliore per ammirare il suo lavoro e seguirne orme nella città in cui è nato? Il museo delle Belle Arti di Valencia ha una collezione permanente dell’artista, con opere tra cui “Grupa valenciana” o “Figuras de casacas jugando en un jardín”. Quest’anno, poi, ospiterà l’esposizione immersiva “Sorolla a través de la luz”. Si può anche fare un tour nei luoghi legati al pittore, inclusa la casa natale, vicino alla chiesa di santa Caterina dove fu battezzato, il Centro del Carmen, l’antica scuola di Belle Arti dove si formò, il centro culturale Bancaja, che spesso gli dedica esposizioni temporali e la spiaggia della Malvarrosa, che ispirò alcune delle scene più famose. Turiart organizza visite guidate alla Valencia di Sorolla la prima domenica del mese, e nel ristorante Vertical si può degustare un menù ispirato alla sua opera. È il momento di scoprire la luce e i luoghi che hanno ispirato l’artista.  


2.    Capitale verde europea 2024 

Image placeholder

L’impegno di Valencia per la sostenibilità le è valso già diversi riconoscimenti internazionali. Il più recente è stato la nomina a Capitale Verde da parte della Commissione Europea per il 2024, per aver introdotto progetti per ridurre l'impatto ambientale e migliorare la qualità della vita. Alla creazione e alla protezione di spazi verdi come il Parco Naturale dell'Albufera, la zona di coltivazione periurbana e i Giardini del Turia, si uniscono iniziative di mobilità sostenibile tra queste una buona gestione dei rifiuti urbani e il recupero di spazi pubblici per i pedoni. 
Uno dei modi migliori per esplorare Valencia è a piedi o in bicicletta, perdersi nelle viuzze del centro storico o passeggiare nei parchi e negli ampi viali. Quest'anno i visitatori potranno godere di oltre 30.000 m2 di nuove aree pedonali. La Piazza de la Reina si aggiunge a quelle già abilitate nella piazza del Ayuntamiento e nella piazza del Mercado, tra il Mercato Centrale e La Lonja. Sono luoghi perfetti per godere l'atmosfera, i monumenti e gli edifici storici che li circondano.
La bicicletta è un'altra opzione sana e sostenibile per esplorare Valencia e i suoi dintorni. Ora è più facile che mai grazie alla vasta rete di piste ciclabili e alla costruzione di un nuovo anello verde intorno alla città, per ciclisti e pedoni. La metà di questo corridoio circolare di oltre 56 chilometri che collega l’orto al mare è già stata realizzata e nuovi tratti saranno aggiunti nel 2023. Permette ai visitatori di pedalare nei parchi naturali del Turia e dell'Albufera. 

 

3.    Il gigante gulliver torna nei giardini del Turia 

Image placeholder

I più piccini saranno felici, il popolare parco di Gulliver dei giardini del Turia riapre completamente restaurato. Si potrà di nuovo scivolare nella giacca del gigante Gulliver, arrampicarsi tra la barba o correre tra le sue gambe. Oltre a migliorare l’illuminazione e la sicurezza delle installazioni, è stato istallato anche un sistema di rampe per rendere il parco accessibile a tutti, oltre a nuove zone verdi. Nello spazio interno della figura è stata creata, inoltre, una nuova zona giochi per permettere ai più piccoli, che ancora non possono salire sul Gulliver di divertirsi con questa esperienza così particolare. Per concludere in bellezza una giornata in famiglia, troviamo a poca distanza la città delle Arti e delle Scienze, che nel 2023 festeggia il 20º anniversario dell’Oceanografico e il 25º anniversario dell’Hemisfèric.

 

4.    Nuovo centro di arte contemporanea nel palazzo di Valeriola  

Image placeholder

Valencia disporrà di una nuova collezione di arte moderna nel Centro d’arte Hortensia Herrero la cui apertura è prevista a fine 2023. Il centro, ubicato in un antico palazzo, riunirà opere di artisti tra cui Andreas Gursky, Anselm Kiefer, Georg Baselitz o Anish Kapoor, oltre a esposizioni temporali di altri artisti di fama internazionale. Se ti piace l’arte moderna, non perderti l’IVAM e il centro artistico Bombas Gens, due esempi della vasta offerta museale della città, che spazia dalle grandi pinacoteche a curiose collezioni come quella dei soldatini di piombo del museo l’Iber o quella dei ninot (pupazzi di cartapesta) del Museo Fallero, oltre al recente inaugurato CaixaForum Valencia. Con una tale varietà e qualità di musei, non sorprende che Valencia sia stata scelta come sede del Congresso del Consiglio Internazionale dei Musei, ICOM-CC, che si terrà a settembre. 

 

5. València, sede del Mundial de Gimnasia Rítmica 

A Valencia lo sport si vive con passione. Sia se sei una persona attiva sia se preferisci essere un semplice spettatore, qui troverai sempre qualcosa per te. Quest’anno, oltre alle partite di calcio della Liga (il Valencia CF festeggia nel 2023 il centenario del mitico stadio Mestalla) e di pallacanestro, e alle gare di moto nel circuito Ricardo Tormo, a Valencia si potranno vedere anche le migliori ginnaste del mondo. Dal 23 al 27 agosto, si terrà il Campionato del mondo di ginnastica ritmica presso le strutture della Fiera di Valencia. Inoltre, gli appassionati della corsa possono partecipare a più di 50 gare in città, tra cui la maratona e la mezza maratona Trinidad Alfonso, mentre le spiagge e il porto turistico attirano chi vuole praticare SUP (stand up paddle), kayak e molti altri sport acquatici.

 

6.    Nuovi locali di svago alternativo tra il mare e l’orto 

Image placeholder

 

Valencia rinnova continuamente la sua offerta per il tempo libero con più bar, ristoranti e spazi culturali alternativi. Gran Martínez (Avenida del Puerto, 318) è una delle proposte più particolari: un’ex farmacia della fine del XIX secolo nella zona del Grau, dove trascorrere una piacevole serata all'insegna della buona musica e di cocktail ancora più buoni (e anche di qualche spuntino se si ha fame). Per un'esperienza diversa, fai un salto nell’orto di Valencia! Facilmente raggiungibile con la metropolitana, Villa Indiano a Burjassot unisce un ristorante di cucina tradizionale valenciana con un giardino culturale di 2.500 m2 dove si può assistere a workshop, concerti e conferenze, o degustare una rinfrescante horchata nei mesi estivi, in un'atmosfera rilassata con vista sull’orto e la Sierra Calderona. Nella zona commerciale della città è arrivato il ristorante Begin (Avenida Cortes Valencianas, 50), con un locale sorprendente per il design che combina nel suo menù prodotti locali e prodotti biologici oltre al rispetto per il benessere degli animali. Cerchi un nuovo posto dove fare un salto in serata? Prova il Soho Boutique Turia (Calle Grabador Esteve, 36), un incantevole hotel a pochi passi dai Giardini del Turia.

 

7.    Più treni ad alta velocità

Raggiungere Valencia da altre parti della Spagna è ora molto più facile, sostenibile, veloce ed economico, grazie alla nuova offerta di treni ad alta velocità lowcost. Ai collegamenti tra Madrid e Valencia già offerti dagli operatori Ouigo e Avlo (la filiale di Renfe), negli ultimi mesi del 2022 si sono aggiunti i treni Iryo, il nuovo marchio di Ilsa (società nella quale partecipano Air Nostrum e Trenitalia), sempre su questo tragitto. Anche muoversi a Valencia con i mezzi pubblici è più facile grazie all'estensione della rete metropolitana, compresa la nuova linea 10 che collega il centro con la città delle Arti e delle Scienze, oltre alla rete di autobus notturni.

 

8.    Tra le migliori destinazioni universitarie del mondo 

Image placeholder

 

Valencia è entrata nella classifica delle cento migliori destinazioni studentesche del mondo. Ciò si riflette nell'ultima edizione della classifica della QS Best Student Cities, che colloca la città in questo elenco selezionato, dove troviamo città come Londra, Atene, Amsterdam, Berlino, Edimburgo, Monaco, Lisbona, San Francisco, Tokyo e San Paolo. Valencia è, insieme a Madrid e Barcellona, la rappresentante spagnola in questa classifica che valuta le opinioni degli studenti per valutare le migliori sedi universitarie, in base a fattori quali l’accessibilità economica e la convenienza. Anche le università valenciane sono tra le preferite dagli studenti Erasmus che scelgono la Spagna. Visit Valencia ha recentemente lanciato un nuovo servizio per agevolare il soggiorno degli studenti in città, attraverso un portale informativo su visitvalencia.com. 

Inoltre, i quasi 20 chilometri di spiaggia, i più di 2 milioni di metri quadrati di giardini, il trasporto pubblico accessibile e l'assistenza sanitaria di qualità fanno di Valencia la migliore città al mondo in cui vivere, secondo la classifica di InterNations. Si tratta della più grande comunità di persone che vivono o lavorano fuori del loro luogo di nascita. La città aveva già occupato questa prima posizione nel 2020 e chiude il 2022 come leader della lista e della categoria di qualità della vita.  

 

9.    Valencia punto di riferimento internazionale in innovazione e tecnologia 

Image placeholder

 

La città ha consolidato la sua leadership in innovazione e tecnologia grazie ai progressi nella digitalizzazione, che ha messo al servizio di abitanti e turisti, e al suo potente ecosistema imprenditoriale. Per questo motivo, a marzo 2023 ospiterà The Next Web Conference, un evento tecnologico promosso dal Financial Times, che si terrà a La Marina con un lungo elenco di conferenze tenute da prestigiosi relatori internazionali.  Da 16 anni questa conferenza si tiene ad Amsterdam con oltre 10.000 partecipanti all'anno e ora avrà un nuovo collegamento nel Mediterraneo. Nel 2022, poi, Valencia, è stata nominata Capitale del Turismo Intelligente insieme a Bordeaux, un riconoscimento conferito dalla Commissione Europea e che l'ha portata a ospitare il III Congresso Mondiale delle Destinazioni Turistiche Intelligenti. Inotre, è stata scelta come una delle tre città più innovative d’Europa per la sua strategia di innovazione Missions Valencia, una tabella di marcia per avere una città più sana, sostenibile, condivisa e imprenditiva.

 

10.    Capitale gastronomica mondiale 

Nel 2023, Valencia ospiterà la premiazione di The World's 50 Best Restaurants, conosciuta come gli Oscar della ristorazione. La città torna così a essere la capitale gastronomica mondiale, dopo il successo della Gala Michelin per la Spagna e il Portogallo celebrata nel 2022. L'organizzazione dei 50 Best Restaurants in the World ha optato per una destinazione con numerosi valori gastronomici, tra cui la lunga tradizione culinaria, la creatività mediterranea, il forte impegno per una gastronomia sostenibile, la qualità della sua cucina grazie a nomi come Quique Dacosta, Ricard Camarena o Begoña Rodrigo e il dinamismo, con continue aperture di ristoranti per tutti i gusti. Ancora una volta Valencia sarà al centro dell'attenzione dei principali riferimenti culinari del mondo.