Festa di Sant'Antonio Abate

Festa di Sant'Antonio Abate

La festa degli animali con più di 200 anni di tradizione

Migliaia di animali che corrono per le strade di Valencia con i loro orgogliosi proprietari e voi senza saperlo? Da animali domestici più convenzionali come cani, gatti e persino cavalli, a specie esotiche come furetti, tartarughe, pappagalli cenerini, camaleonti e serpenti nei loro terrari. Vi partecipano anche i canini e le unità a cavallo delle forze di sicurezza spagnole. Questa non è una riedizione dell'arca di Noè. No. È la popolare festa di San Antonio Abad, meglio conosciuta in questa città come Sant Antoni del "porquet" (porcellino). Questa tradizione, riconosciuta come festa di interesse turistico provinciale, ha attirato per secoli un gran numero di persone che hanno voluto vedere come gli animali vengono benedetti con un ramoscello, se possibile un ramoscello d'ulivo, per ore da tre sacerdoti che, a livello della strada, si sforzano di rispettare ogni singolo esemplare portato di proposito. Sì, perché i tempi in cui un solo religioso era in grado di eseguire il rituale dal rostro sono lontani. Il numero crescente di animali raccolti in file di pazienti, diverse migliaia, lo rende impossibile.

 

 

Le cronache dicono che già alla fine del XVIII secolo questa usanza era profondamente radicata tra la gente della città, legata alla venerazione di Sant'Antonio Abate, patrono degli animali. È possibile che la sua origine sia molto più antica. I proprietari della cavalleria, in gran parte contadini, si recavano al convento che fu costruito dove oggi possiamo vedere la chiesa parrocchiale di San Antonio Abad (calle Sagunto 188) ogni 17 gennaio. Lì cavalcavano i loro cavalli attorno ad un ulivo molto vecchio che esisteva nel chiostro e prendevano da questo albero un ramoscello che mettevano come ornamento sui loro animali, sicuri che li avrebbe liberati da ogni male. Questo spiega perché, a distanza di oltre 200 anni, la tradizione si mantiene ancora oggi.

 

Qual è la data?

Il 17 gennaio dalle ore 10:00 accanto alla parrocchia di San Antonio Abad, quando alle 11:00 inizia la messa in onore del santo e la successiva benedizione degli animali.  Ma si può anche godere del grande falò in onore del santo e del tradizionale mercato che lo accompagna dal fine settimana precedente. Ricordate che se vi recate a Valencia con il vostro animale domestico, potete anche venire con voi per sfilare e ricevere la benedizione. Alla fine dell'evento c'è un turno riservato ai ritardatari!

INFORMAZIONI UTILI: 

Data:

17 gennaio dalle ore 10:45 accanto alla parrocchia di San Antonio Abad

La notte del 16, il tradizionale falò viene acceso in Sagunt Street