Skip to main content

Museo della Seta

Hospital, 7; 46001 - Valencia

ZONA: Centro storico

Servizi

  • Bagni
  • Caffetteria
  • Armadietti
  • Negozio

Informazioni utili

Il Museo della Seta di Valencia si trova in quello che, dal XV secolo, fu il Colegio de Arte Mayor de la Seda, in un edificio che presenta una fusione degli stili gotico e barocco. La sua ristrutturazione, promossa dalla Fondazione Hortensia Herrera, ha consentito di riscattare una parte della storia della città e di riscoprire il retaggio lasciato a Valencia dall’industria della seta. L’edificio del Museo della Seta è composto da tre sale principali di grandissimo interesse.

La prima, la Sala de la Fama, era il vano principale del collegio, dove si riunivano i più alti dirigenti dell’istituzione. L’affresco del soffitto, di José Vergara, e il pavimento di ceramica valenziana del XVIII secolo sono le sue principali attrazioni. Al secondo posto c’è la cappella, decorata con un pavimento di piastrelle bianche e verdi che creano uno spettacolare effetto ottico. Infine, l’archivio storico, che custodisce innumerevoli documenti riguardanti la storia della corporazione.

Ma la visita al museo consente anche di sapere come è arrivata la seta a Valencia, l’importanza di questa attività commerciale per più di tre secoli e l’eredità lasciata, che ancor oggi si può ammirare nei vestiti tipici delle feste di Valencia. Telai antichi che ancora funzionano, la tipica andana in cui si allevavano i bachi da seta, strumenti di lavoro, campioni di tessuti di seta, abiti antichi, documenti storici... un patrimonio di grande valore che introduce il visitatore alla ricca storia dell’industria della seta che Valencia visse per tre secoli. La visita al Museo può essere completata entrando nel negozio Espai Seda, che offre interessanti souvenir in seta, come fazzoletti, borsellini, cravatte, giochi per bambini, borse, gioielli... Nel museo si può trovare anche un ristorante.

Ottieni percorso

Iscrivetevi al nostro blog!

Non perdete le migliori proposte per scoprire Valencia!

Subscribe