Utilizziamo cookie propri e di terzi ai fini dell’analisi della navigazione degli utenti.
Continuando con la navigazione se ne accetta l’uso. È possibile modificare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni qui.

Cabecera
Pianifica il tuo viaggio Cosa visitare a Valencia
Ricerca offerte
Che cosa cercate?
Check-in Seleccionar Fecha
Check-out Seleccionar Fecha
Esercizi
Visualizza hotel vicino a
Stelle
Home /  Cosa fare a Valencia / Feste a Valencia /

Festività del Corpus a Valencia

Festività del Corpus a Valencia

Il Corpus Christi

Il Corpus Christi

Domenica, 60 giorni dopo Pasqua. Questa è la celebrazione che è stata storicamente considerata come la “Festa Grande” della città. Oltre il puro sentire cattolico, il Corpus è una mostra della convivenza dello spirito festivo, simbolico, metaforico e religioso della società di Valencia.

L’origine della festa risale al 1263, ma è nel 1355 quando il vescovo di Valencia, Hugo Fenollet (che 5 anni prima aveva battezzato San Vicente Ferrer), introduce la processione. Attualmente, grazie alla meravigliosa attività dell’Associazione Amics del Corpus de la Ciudad de Valencia, la festa ha recuperato la vitalità dei suoi albori.


PROGRAMMA UFFICIALE DEL CORPUS 2016

12.00 Cabalgata del Convite (Cavalcata del Ricevimento)

Cabalgata del Convite

Comincia alle 12 e, secondo la tradizione, è un invito che facevano i giurati della Città, tramite il “Capellá de les Roques”, alle autorità e al popolo affinché assistessero alla Solenne Processione del Corpus Christi. Oggigiorno si esegue in modo similare a come si realizzava alla fine del XVIII secolo. Ci sono vari elementi da mettere in risalto, riguardo questa cavalcata:

Il Cappellano di Roques

· El Capellá de les Roques (Il Cappellano di Roques):

Uno dei personaggi più popolari. Rappresenta la Chiesa e la sua missione è quella di invitare la gente a celebrare la festa. Monta un cavallo che porta una sottosella di velluto nero su cui sono ricamati gli scudi della città e saluta il pubblico, che assiste alla Cavalcata dai balconi o dalla strada.

Le Danze

· Le Danze:

Varie comparse eseguono vistosi balli tradizionali e allegorici al suono della 'Dolçaina i el Tabalet'. La danza più famosa è 'La Moma i els Momos'. Il personaggio centrale, La Moma (rappresentata da un uomo vestito da donna, con una tunica bianca e il viso coperto completamente da un fazzoletto bianco), lotta contro i sette peccati capitali, Els Momos (vestiti con una maschera nera, una veste gialla e nera e un pittoresco berretto che vuole rappresentare un drago). Eseguono vistose danze con bastoni, che finiscono quando si arrendono alla virtù incarnata dalla Moma.

Il Ballo dei Nanos e dei Gegants

· Il Ballo dei “Nanos” e dei "Gegants":

Questo rituale si esegue dal 1588. 4 coppie di Gegants (giganti) e 3 di Nanos (nani) danzano al ritmo delle musiche di Tabalet i Dolçaina, interpretando un’antichissima danza. Le 4 coppie di Gegants simbolizzano l’adesione all’Eucarestia di tutti i continenti conosciuti. La convivenza di Nanos e Gegants significa che sia gli alti che i bassi adorano allo stesso modo il Signore.

La Poalà

· La Poalà:

I membri della Associazione Amics del Corpus, lungo il percorso della calle Caballeros y Avellanas, sono bagnati con secchi di acqua dai balconi. Lo scherzo viene contraccambiato e contrattaccano innaffiando i più sprovveduti.

16:30h Sfilata delle Rocas

Sfilata delle Rocas

Le Rocas sono carri trionfali che, in origine, servivano per rappresentare “Els Misteris” (I Misteri) lungo la processione. Si tratta di undici strutture di legno a forma di barca antica, che sorreggono dei gruppi scultorei, rappresentanti racconti biblici o di santi. La loro origine si fa risalire fra il 1373 e il 1392.

Come è noto, le Rocas sono tirate da cavalli lungo tutto il percorso, ma c’è un momento speciale in cui gli animali assumono un ruolo principale, anche maggiore delle stesse Rocas.

19.00h Processione Solenne

Processione Solenne

La Senyera (bandiera della città) apre la processione, affiancata da “Les Banderoles” o stendardi. Sia la bandiera che gli stendardi sono portati da tre Re d’Armi, con la testa coronata, parrucche e barbe bianche. Al loro seguito, la Croce Arcivescovile della Cattedrale e i Candelieri. Sfilano anche rappresentanti di varie parrocchie storiche e dell’Associazione dei Falegnami.

Dopo di loro, sfila tutta una serie di personaggi biblici e simbolici.

Infine è il turno de La Custodia. Elemento fondamentale del Corpus e maestoso atto finale della festa. Appare scortata da un picchetto del Quartier Generale della Forza di Manovra e affiancata dai Mancebos (sei giovani con vesti di velluto e seta del XVI secolo). Portano spighe argentate e grappoli d’uva. Al passaggio della Custodia, dai balconi si lancia una fitta pioggia di petali.

Ulteriori informazioni:
www.corpusvalenciaamics.com
Il mio acquistoCARRELLO SPESA (0)