• Paella Valenciana
  • Paella Valenciana

Tutti i segreti della paella valenciana

Cosa Fare, Gastronomia Commenti (0)

Ti è venuta voglia di immergerti nella cucina spagnola e vuoi sperimentare la paella home made? Non potevano mancare i nostri consigli per trasformarti in uno chef professionista e portare sulla tua tavola questo squisito piatto.

La paella è tra le ricette più note della ricca e varia gastronomia spagnola, ma pochi sanno che la sua terra d’origine è proprio la città di Valencia: diventata ormai simbolo nazionale, è infatti facilmente reperibile nei menù dei ristoranti di tutto il mondo. Tuttavia, la modalità di preparazione dell’autentica paella è stata trascurata e nel corso del tempo ha subìto diverse variazioni.

Nata come un piatto povero, dove gli ingredienti raccolti erano perlopiù costituiti da avanzi, la paella rappresenta un pilastro fondamentale della cultura culinaria di Valencia. Qui troverai segreti, indicazioni e una serie di accorgimenti per preparare la “vera” paella valenciana.

Sei pronto? È arrivata l’ora di indossare il grembiule e mettersi all’opera!

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 bicchiere di olio extra vergine di oliva
  • 1 pollo tritato
  • 1 coniglio tritato
  • 300 grammi di fagiolini Ferra
  • 1 cucchiaio di paprika dolce
  • zafferano
  • 6 bicchieri di acqua
  • 200 grammi di garrofò (tipico fagliolo di forma schiacciata)
  • Sale q.b.
  • 3 bicchieri di riso
  • 1 rametto di rosmarinoIngredienti per 4 persone:

Procedura:

  • 1. Scaldare l’olio in una paella (contenitore largo e poco profondo) a fuoco basso.
  • 2. Soffriggere il pollo e coniglio per 5 minuti.
  • 3. Aggiungere le verdure pulite e tagliate: fagioli, carciofi, e pomodoro grattugiato. Soffriggere qualche minuto fino ad ottenere una salsa omogenea.
  • 4. Aggiungere il peperoncino e far cuocere a fuoco basso per un minuto, poi versare l’acqua.
  • 5. Aggiungere lo zafferano, garrofó e sale quanto basta.
  • 6. Alzare la fiamma e lasciare cuocere circa 15 minuti.
  • 7. Aggiungere le lumache.
  • 8. Distribuire il riso per tutta la padella.
  • 9. Far bollire per altri 15 minuti e provare il brodo. Aggiungere sale se necessario.
  • 10. Durante gli ultimi 7-8 minuti aggiungere il rosmarino, lasciare cuocere per circa 5 minuti, quindi rimuovere.
  • 11. La paella è pronta quando l’acqua è evaporata, ma non è completamente asciutta.
  • 12. Per ottenere l’effetto abbrustolito, prolungare la cottura a fuoco lento.

A Valencia è tipico aggiungere le lumache, carciofi o addirittura l’anatra. C’è anche chi serve il piatto con fette di limone e chi aggiunge un po’ di aglio nella salsa, anche se questi dettagli creano una divergenza di opinioni: tutto dipende dal gusto dello chef. Una volta in tavola, viene mangiato direttamente dalla padella o servito con mestolo di legno, a seconda delle circostanze e delle preferenze dei commensali.

Per gli spagnoli la migliore paella è quella che si mangia a casa, ma se programmi una visita a Valencia, potrai trovare tanti ristoranti che la preparano secondo la ricetta originale; se invece vuoi vivere un’esperienza completa alla scoperta delle origini di questo piatto e dei luoghi in cui è nata, non perderti le speciali proposte Paella Experience.

Buon appetito!

» Cosa Fare, Gastronomia » Tutti i segreti della paella...
Su 8 settembre, 2015
Per

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »